Dubai Cyberpunk [3] (UAE) – OcchioUrbano #45

in OcchioUrbano/Rubriche da

Grattacieli, sprawl, cluster, hi-tech e lo-life. OcchioUrbano raccoglie tutto ciò che le città moderne hanno di cyberpunk e lo racconta in una foto e una citazione.

45-dubai-cyberpunk-occhio-urbano

[1] Nella polvere del deserto, dove per secoli non hanno abitato che tribù di beduini, si costruisce il futuro. A Dubai, la capitale di uno dei sette Emirati Arabi Uniti non è bastato vivere un’urbanizzazione straordinaria che ha già affascinato i tanti turisti in visita ogni anno nel Golfo Persico.
Tra le costruzioni che hanno contribuito a creare il mito delle petromonarchie, a Dubai sorgono il Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo e il Palm Island, l’arcipelago a forma di palma che domina il porto.
Oggi la città vuole migliorarsi ancora di più grazie all’innovazione e alla tecnologia. Progetti futuristici si moltiplicano attorno e all’interno di questo centro della Penisola arabica: auto che si guidano da sole, edifici stampati in 3D, treni Hyperloop One in grado di trasportare merci e persone a una velocità impensabile fino a qualche tempo fa.
Tutto sembra essere proiettato verso un appuntamento importante per questa città: l’esposizione universale del 2020.

(fonte: thenexttech.startupitalia.eu)

[2] I lavoratori immigrati costituiscono l’asse sul quale negli ultimi 30 anni è stata costruita la ricchezza dei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati arabi uniti, Kuwait, Oman e Qatar). Nazioni desertiche e ricchissime, che siedono su immensi giacimenti di petrolio e che hanno visto creare intere città e infrastrutture da una manodopera sottopagata, priva di diritti e legata indissolubilmente al proprio datore di lavoro dalla Kafala (garanzia), un sistema di reclutamento che assomiglia pericolosamente all’acquisizione di uno schiavo: un ufficio di collocamento nel paese d’origine trova un datore di lavoro disposto a sponsorizzare il lavoratore immigrato, che da quel momento non può cambiare posto di lavoro per tutta la durata del contratto.

(fonte: repubblica.it)

Ultimi da OcchioUrbano

Vai a Inizio