Blade Runner 2049: i tre prequel diretti da Luke Scott

in Approfondimenti/Articoli/News da

Denis Villeneuve presenta tre short film prequel di Blade Runner 2049 diretti da Luke Scott, il figlio del celebre Ridley Scott. Una mini-serie che prova a colmare con grande ambizione il vuoto temporale di 30 anni (2019-2049) tra i due film.

Banner di Blade Runner 2049 - cyberpunkitalia

Denis Villeneuve, regista dell’imminente nuovo capitolo di Blade Runner, ha voluto esporsi in prima persona per presentare una serie di tre short film prequel di Blade Runner 2049 diretti da Luke Scott (il figlio di Ridley Scott). Questi tre cortometraggi hanno l’ambizione di colmare l’ultima parte del vuoto temporale tra il primo magnifico Blade Runner, ambientato nel 2019, e questo nuovo capitolo, ambientato nel 2049.

Un salto di 30 anni che molti, tra cui la webzine io9, hanno sintetizzato in questa cronologia essenziale di eventi, con la collocazione dei primi due capitoli della mini-serie prequel (il terzo non è ancora stato pubblicato). Ecco quindi che cosa succede nell’arco di tempo che divide Blade Runner dal suo sequel.

Cronologia essenziale del periodo tra Blade Runner e Blade Runner 2049:

  • Ryan Gosling e Harrison Ford - Blade Runner 2049 - Cyberpunk Italia2019: Il Blade Runner Rick Deckard fugge da Los Angeles con un replicante di nome Rachael.
  • 2020: La Tyrell Corporation introduce un nuovo modello di replicante, il Nexus 8S, dotato di un ciclo di vita più lungo.
  • 2022: L’esplosione di un EMP (impulso elettro-magnetico) provoca un blackout globale risultando in enormi, devastanti conseguenze in tutto il mondo.
  • 2022: Black Out (3° short film prequel, anime)
  • 2023: Il periodo di Proibizione dei Replicanti ha inizio.
  • 2025: Una nuova multinazionale, la Wallace Corp., risolve il problema della carenza di cibo nel mondo e diventa una massiccia super-potenza.
  • 2030: La Proibizione dei Replicanti viene abrogata (più precisamente, intorno al 2036).
  • 2036: Nexus Dawn (1° short film prequel)
  • 2048: Nowhere to Run (2° short film prequel)
  • 2049: La vita sulla Terra ha raggiunto il suo limite e la società è divisa tra Replicanti e Umani.

1. 2036: Nexus Dawn.

Si intitola 2036: Nexus Dawn (“Le origini del Nexus”, in traduzione italiana) il primo capitolo di questa serie di cortometraggi prequel di Blade Runner 2049 e vede la partecipazione dell’attore Jared Leto, che reciterà anche nel film in uscita il 6 ottobre. Questo short film, ambientato nell’anno 2036 (vedi cronologia sopra) è dedicato al suo ambiguo personaggio Niander Wallace, il cieco (ma visionario) creatore della nuova serie di replicanti Nexus 9. Ecco il video completo di questo breve film, sottotitolato in italiano.

Quello che colpisce immediatamente di questa breve pellicola, è lo spessore. Spessore della fotografia, dei dialoghi, dell’atmosfera, della colonna sonora e più in generale del tono che in questa misera manciata di minuti riesce a imporsi come grande esempio di ciò che il film sarà, si spera. Approfondendo l’aspetto narrativo di questo short film, il personaggio di Wallace appare subito affascinante e allo stesso tempo inquietante.

La “dimostrazione” del suo nuovo modello di replicante, che come già sappiano dalla cronologia pubblicata sarà determinante per abolire la Proibizione, è composta da uno spesso strato di tensione, di cupa sospensione temporale in cui aleggiano frasi ai limiti del mistico sull’agire umano e sull’imminente distruzione della Terra. Se questo sarà anche lo spessore di Blade Runner 2049, noi appassionati di cyberpunk non potremo che apprezzarlo.

2. 2048: Nowhere to Run.

Il secondo short film si intitola 2048: Nowhere to Run (non ancora disponibile in traduzione italiana) e anche questa volta – come già era stato fatto nei confronti di Niander Wallace – si introduce un personaggio: Sapper Morton, intepretato da Dave Bautista, attore ed ex-star WWE (“Batista“). Si può intuire come la scelta di Bautista non sia stata dettata dalle sue sole capacità attoriali (comunque ottime), ma anche da altre capacità corroborate durante sua carriera da lottatore dello spettacolo. Dopo aver visto il video completo del film, capirete di che cosa si sta parlando.

Così come il precedente capitolo di questa serie di prequel si faceva notare per la sua atmosfera, anche questo secondo short film – da collocare cronologicamente nell’anno 2048 – ricalca molto bene alcune tipiche ambientazioni del celebre capolavoro del 1982, dove i bassifondi di Los Angeles sono fatti di locali mal frequentati, fumo, neon accecanti, personaggi singolari e noodle bar. Una scelta dichiaratamente cyberpunk (poteva essere altrimenti?) che aumenta l’attesa per il prossimo 6 ottobre.

Sapper è un replicante in fuga che cerca di sopravvivere come meglio può scambiando merce di valore per pochi soldi. Molto importante sembra essere il suo rapporto con una bambina e sua madre. Alla bambina, infatti, regala un libro intitolato The Power and the Glory, un volume che Sapper riassume dicendo “parla di un sacerdote fuorilegge che prova a capire il significato di essere un uomo.” In questa frase, forse, è racchiusa proprio la chiave per comprendere la sua backstory.

3. 2022: Black Out.

Il terzo e ultimo short film prequel di Blade Runner 2049 è in realtà un anime, uno short film d’animazione diretto dal regista giapponese Shinichiro Watanabe, per noi appassionati di cyberpunk conosciuto per aver scritto e diretto i due cortometraggi di Animatrix e la serie di anime Cowboy Bebop.

Chi si aspettava un terzo prequel di questo tipo? Con una durata effettiva di poco meno di un quarto d’ora, questo anime è un piccolo capolavoro, realizzato da un maestro della regia anime giapponese e grande intenditore di cyberpunk. 2022: Black Out spiega le ragioni della misteriosa esplosione di un EMP (impulso elettro-magnetico) tanto potente da generare un blackout di enormi proporzioni.

In questo short film scopriamo chi è l’ideatore di questo atto dalla natura complessa e profonda, non riducibile a un semplice “incidente” e nemmeno a quello più deplorevole di “attentato”. Si tratta di una estrema, profonda manifestazione di volontà di vivere (e non solo di “avere una vita”) di alcuni androidi della serie Nexus 8. Un ultimo prequel di grandissima qualità, assolutamente da non perdere.

Blade Runner 2049, Film Cyberpunk- Ryan Gosling Shade Neon City

_jokreg

Ultimi da Approfondimenti

Vai a Inizio